Qui al Nord. [Cronache da oltre cortina di una criminale a piede libero travestita da cartoon]

12 giugno 2008, 07:04

[Avvertenza. Torniamo alla ribalta con un pezzo old school in gestazione da mesi. Come da tradizione, vale la regola del leggi quello che ti pare. Abbiamo disposto qua e là  pratici titoli di paragrafo, chi legge tutto d’un fiato vince una notte di sesso con l’autrice. Almeno finché resta in circolazione.
Inoltrare candidature e/o denunce per diffamazione all’indirizzo judith@afasici.net.
Né le une né le altre verranno mai prese in considerazione, ma come si suol dire, l’importante è il gesto.]


Chiunque si trovi nello spazio compreso tra le alpi e la linea gotica del nostro stato, sia dissidente nei riguardi dello Stato Delle Cose e non abbia uno stile di vita indiscutibilmente irreprensibile, dal quattordici aprile scorso deve considerarsi sotto stretta sorveglianza.
Le ultime elezioni sono state uno dei pià inquietanti fenomeni mai manifestati sul suolo patrio dallo scudetto alla sampdoria nel ‘91 ad oggi.
Voi lettori del centro, del sud e delle isole, non potete avere veramente idea di come quassà siano cambiate le cose, ed io, che tanto oramai sono segnata a fuoco nel Libro Nero degli Insurrezionalisti, non ho pià nulla da perdere a passarvi le ultime notizie dal Nord dello Stato prima che blocchino le vie di comunicazione con il resto del mondo, oscurino internet e ci chiudano tutti in campi di concentramento a far polenta.


Les élections dangereuses.

La sera delle elezioni me la ricordo nitidamente.
Dalle tre del pomeriggio si poteva ancora parlare di timide avvisaglie della catastrofe. Alle otto, mentre tornavo da lavoro, i radiogiornali erano già  bollettini di guerra, e l’ultimo telegiornale che sarei riuscita a guardare, sulle nove suppongo, rimbombò per la cucina dove io e mia madre stavamo totalmente allampanate, lei con le buste della spesa in mano da ore, io con la pressione sotto zero, la bocca spalancata e la gola secca.
Passavano le facce pingui dei vincitori, le risate sguaiate della cricca di mafiosi che aveva appena democraticamente preso il potere, passavano commenti volgari, frasi sgrammaticate, le piazze in festa, la gente che si riversava nelle strade, qui Milano, qui Roma, qui Napoli, le città  che mano a mano cadevano nelle mani della maggioranza schiacciante.
E mò so’ cazzi vostri.
Io restavo impietrita davanti alla televisione, mia madre iniziava una geremiade senza requie, Adesso ce ne andiamo, adesso ce ne dobbiamo solo andare.
Un magone in pancia che non riesco a spiegare, la nettissima percezione della solitudine, come pecore tra lupi che si fregavano le mani leccandosi le zanne davanti a milioni di inermi ovini rimasti senza nessun cazzo di pastore parlamentare dimmerda, la certezza di essere in balìa di eventi inimmaginabili ed inarginabili, e uno sbigottimento infinito e desolante, tutto questo mi girava e rigirava nello stomaco.
Quando per pietà  un giornalista porse il microfono a diliberto, che era la cosa pià buona e giusta che fosse passata per lo schermo in quelle ore di agonia, non ressi oltre. Il groppo che mi caricava nell’addome da ore mi colò già per le guance dagli occhi. Era come se piangessi. Mi trovai a piangere delle lacrime inspiegabili davanti a diliberto che diceva vorrei dire a tutte le compagne e a tutti i compagni, calma.
Ecco, sentire qualcuno che diceva che le compagne e i compagni dovevano stare calmi, tranquilli, che tutto sarebbe andato bene, sentire pià che altro che qualcuno ancora poteva usare la parola compagno in televisione, fu il colpo definitivo.


Ricordo che presi la macchina per andare a studiare.
Le strade erano deserte.
Credo piovesse.
Ricordo una stranissima sensazione di paura che da quel giorno in avanti mi sarebbe scesa già per la spina dorsale ogni volta, ogni santa volta che mi sarei trovata per strada.
Quella, fu la prima volta che la sociofobia di matrice politica fece la sua comparsa tra i variegati disturbi sociali che caratterizzano i miei giorni.


Sindromi. Un aggiornamento.
Il carnet delle sindromi di cui soffro da qualche anno a questa parte annovera ormai disturbi di cui nemmeno riesco a parlare pià con i miei medici per pura vergogna.
Sociopatie, sociofobie, ossessioni, fissazioni, comportamenti detestabili, abitudini riprovevoli, atteggiamenti al limite del socialmente accettabile, manie, isteria, depressioni.
La sociofobia di matrice politica la considero l’ultima arrivata in ordine di tempo, figlia delle elezioni di aprile e di una pià ampia e consolidata sociofobia fisica.
Da quando la destra è uscita dalle grotte ed è libera di insultare, gonfiare di botte ed all’occorrenza ammazzare con la pià totale trasparenza, la mia vecchia ossessione che la gente volesse menarmi (sic et simpliciter, così come l’ho detta, riempirmi di botte), si è legata alla mia appartenenza politica ed alla mia sempre pià pericolosa abitudine di continuare a sbandierare insulti ai facisti.
Essere di sinistra, qui al nord, è come era stare a destra qualche anno fa.
Si faceva ma non si diceva.
Berlusconi vinceva, ma non si sapeva come.
Oggi non solo di Berlusconi si parla liberamente in vaporetto, in negozio, dal dentista e dal pescivendolo, ma perfino l’elettore della Lega, che era davvero fuori da ogni discussione, oggi rivendica il proprio status con la massima naturalezza.
E’ questo lo scarto fondamentale tra il prima e il mò, una discriminante che a me pare fondamentale e sembra sfuggire a chi non vive qua al nord.
Però mi sembra che vada detta una cosa.
La lega in Veneto ha preso il pià alto numero di voti mai incassato, ma qui nessuno se ne è stupito.
Nessuno grida al fenomeno lega, nessuno si spreme in analisi filologiche sulle metamorfosi di questa graziosa compagine da partito xenofobo di contadini a partito xenofobo di contadini arricchiti.
Nessuno ha niente da dire, semplicemente perché qui le cose stanno così da molto tempo.
E’ che il resto d’Italia non se ne era mai accorto e il Veneto è una regione molto riservata.


Lega Nord. Ma anche Centro.
A differenza dal resto del mondo sviluppato, qui in Veneto la classe operaia è il primo motore immobile del capitalismo sui generis sbocciato in questa umida regione. Come ebbi già  a dire, ho visto con questi occhi operai sfrecciare su bmw che probabilmente non potrò permettermi mai, li ho visti schiacciare compiaciuti il tastino del cancello (rigorosamente aculeato e sormontato da agghiaccianti felini di pietra) e parcheggiare le loro bestioline da 355 cavalli in bunker nucleari nascosti sotto metri di terra.
Da questi operai, gente educata roboticamente fin dall’infanzia all’accumulo indiscriminato di denaro e ad un anacronistico attaccamento alla terra inversamente proporzionale al progressivo smarcamento globale dall’equazione terra=popolo, da questi inquietanti ibridi, non ci si può aspettare pià niente di comunista.
Esasperati dalla proprietà  privata che proteggono con mura hollywoodiane e lontani anni luce dalla pià embrionale forma di internazionalismo che si possa immaginare, hanno nella loro esistenza tre soli obiettivi: fare soldi, mansardare (tutto), etnosterilizzare le strade delle loro città .
I leghisti sono uno dei pià pertinenti esempi di comunità  immaginata attualmente esistente, a partire dalla stella polare (e quindi padana) del loro credo, la Padania, presunta entità  etnico-geografica che curiosamente muta la propria estensione al variare dei risultati elettorali. All’indomani delle elezioni, un banner del verde sito, segnalava la miracolosa espansione avvenuta: nottetempo le marche non erano pià infestate da tamarroni abbronzati dall’agghiacciante parlata vagamente teràn, ma da eroici uomini nuovi padani. Dopo la Marca, brillante area del trevigiano dove il partito ha superato la soglia del 40%, anche le Marche sono padane.
Volere è potere. Quando si dice le tradizioni inventate.


Querelami.
L’ascesa di una dirigenza conservatrice, xenofoba ed apertamente neofascista, ha dato, qui al nord, nuovo slancio e virile brio ai beati portatori di pace del nuovo ordine, i paladini del bene comune, gli eroi delle strade sicure, il braccio armato della nostra democrazia: le FORZE DELL’ORDINE, con le quali intrattengo ormai rapporti confidenziali.
Sarà  una simpatica coincidenza, ma il giorno quindici aprile mi arriva la telefonata che inaugurerà  l’inizio del fecondo rapporto tra me e i duri e puri dell’assetto democratico.
Come vi ho già  detto, sono tenuta sotto osservazione da un bel po’. Frequento gente poco raccomandabile, mono- e pluridenunciati dediti al disturbo della quiete pubblica e all’assalto dei monumenti della bassa padana, acquisto regolarmente quotidiani di chiara matrice comunista che con spregio del pubblico pudore leggo in vaporetto e vesto un po’ troppo anni ottanta.
Anche il blog che state leggendo, è sotto osservazione
Colgo l’occasione per comunicarvi, a proposito, che qualora vi sentiste offesi, feriti, indignati o anche solo irritati da quel che scrivo, potete tranquillamente denunciarmi qui.
E badate che non serve che io abbia scritto cose turpi, volgari ed infamanti sul vostro conto citandovi per nome e cognome.
Basta che un qualunque racconto o una delle mie solite idiozie possa avere offeso in qualunque modo la vostra sensibilità .


Hai un naso ridicolo e io parlo con crudeltà  dei nasi ridicoli? Denunciami!


Hai giocato al lotto tutti i soldi che servivano a tua madre per le medicine e io ho casualmente criticato il giuoco del lotto? Denunciami!


Se una persona infinitamente stupida e io parlo con sincero odio delle persone stupide? Denunciami, è un tuo diritto, lo Stato è dalla tua parte, e gli ufficiali della polizia postale hanno scrivanie e armadi pieni di lavoro da portare avanti contro pedopornografie, traffici d’organi e di bimbi on line, ma saranno molto lieti di rubare del tempo a queste (diciamocelo) piccole debolezze del genere umano per prestare ascolto a te, cittadino ferito nella propria sicurezza e nella propria dignità , da me, pericolosa criminale travestita da innocua nostalgica con la maglia di minnie e delle converse perennemente troppo grandi per il suo trentacinque da winx.


Operazione strade sicure.
Che io sia una mina vagante se ne sono accorti anche i carabinieri della mia zona, che a intervalli regolari intercettano me e la mia combriccola chiedendo di esibire i documenti.
Qui al nord, non so se lo sapevate, non si può star seduti a parlare sui marciapiedi della propria strada con un amico oltre la mezzanotte. Per chi venga colto nella flagranza di questo riprovevole comportamento, scatta l’operazione strade sempre pià sicure: una volante con lampeggiante che illumina a giorno tutto il territorio comunale, dopo due o tre giri acrobatici di bellezza, vi inchioda di fianco ostruendo il traffico e inizia un interrogatorio on the road.
“Buonasera. Potete favorire i vostri documenti?”
“Certo.”
“La macchina è sua signorina?”
“Si, è mia”
“Allora la signorina favorisca documento d’identità  e carta di circolazione.”
Mi metto a frugare. Io sono ubriaca fradicia, ma non molesta. Una famiglia repressiva mi ha insegnato l’arte di mantenere la calma anche nelle situazioni di alterazione psicofisica. Sono piuttosto depressa e sull’orlo di un pianto con il tale con cui siedo sul marciapiede.
Trovo la patente e prendo la cartelletta con i documenti della macchina.
“La macchina è sua signorina?”
”... Si, la macchina è mia. Qua ci sono i documenti. Questa dovrebbe essere la carta di circolazione. Non lo so. Veda lei.”
Il gattone prende la carta e i documenti di tutti e due e si caccia in macchina con il compare.
Restiamo sul marciapiede dieci minuti a guardarci le punte dei piedi.
Poi i tutori dell’ordine scendono dalla macchina.
“Bene, tutto apposto. Buona notte.”
Fanno per andare via, ma c’è qualcosa che hanno calcolato fin dall’inizio. La legge non consente loro di agire in alcuna maniera, quindi devono ottenere il loro scopo in altra via, pià sottile.
L’ufficiale presumibilmente di grado pià alto si ferma. Si gira e con un inconfondibile accento meridionale sbiascica qualcosa che finisce con dottore, all’indirizzo del mio amico.
Il quale, mangiata la foglia, chiede tranquillamente “Mi scusi? Non ho capito.”.
Lei è il figlio del dottore?”
“Beh, se intende il dottor *, si, io sono suo figlio.”
Il gattone lo guarda, si osservano per qualche istante, poi il carabiniere risale in macchina e la volante sfreccia via.
“Maledetti”, sibila il vecchio johnny.
Questo ed altro, per le nostre strade sicure.


Perfetto

3 giugno 2008, 15:16

Perfetto è At The River dei Groove Armada in loop.


Turbofuturismi

21 maggio 2008, 07:33

“Ho visto che sei in ferie fino a giovedi! allora avete risorto la problema di *** ! ...secondo me ho scritto sbagliato risorto?!”


[Messaggio di una collega cinese]


Gabba Gabba

19 maggio 2008, 21:22




Happy birthday to you.


[NY, lower east side]


Riot!

24 aprile 2008, 16:06

LONDRA – Nuova notte di follia per Amy Winehouse. La turbolenta cantante inglese ha aggredito due uomini a Londra e ora sara’ di nuovo sottoposta a interrogatorio dalla polizia britannica. Amy prima ha preso a testate un ragazzo di 24 anni fuori da un pub di Camden, zona molto festaiola della capitale inglese. Poi non ancora soddisfatta ha colpito al volto il musicista marocchino Mustapha el Mounmi, reo di non averle lasciato libero il biliardo. (Agr)


[da Corriere.it]


[nel frattempo attenzione alla roccia basaltica.]


Support your local record store

3 aprile 2008, 05:57

Erykah Badu è un’altra che ci piace. Strabbòna e tostissima.
Riuscire a non essere negra-hotpants&capellibagnati – possibilmente morbido appoggio dei colleghi sessisti pià dei bianchi – non è nieeeeente facile.
L’abbiamo molto apprezzata nel suo recente video, ironicamente tamarrino e citazionista, molto oldschool e assolutamente occhèi.


[Anche se va detto che in heavy listening qui sia ha Third dei Portishead, sono i postumi di un concerto memorabile, abbiate pazienza.]


Supergiovane (Prendete e bevetene tutti)

25 marzo 2008, 02:26

Il mio primo giorno di ferie mi alzo all’una di pomeriggio.
Mi siedo a tavola.
Mangio della colomba pasquale, spremo tre arance, preparo un caffè.
Mi stiracchio davanti alla finestra.
C’è il sole.
Mi faccio una doccia, lavo i capelli e gli ultimi residui di lacca e matita per occhi.
Metto a scaldare il pasticcio di crespelle fatto dal signor ristoratore adriano per mia madre.
Ripeto che è ottimo.
Mi siedo a tavola.
Mia madre mi osserva fissa socchiudendo gli occhi.
Ecco, ora dirà  qualcosa di agghiacciante sulla mia condotta morale.
Invece si alza, va verso il frigo e stappa una bottiglia di vino rosso.
Ne versa in un calice (?) e me lo piazza davanti.
“Bevi. Sei bianco cadavere, hai le occhiaie. Hai la pressione sotto terra. Se ti vedesse tua zia, ti direbbe che devi far sangue. E se ti vedesse tua nonna! Bere acqua durante il pranzo! Se a casa nostra mancava il vino rosso, mia madre piuttosto non mangiava, non si mangiava senza mezzo bicchiere del nostro vino rosso. Avanti, bevi, rimettiti un po’.”
Fisso mia madre sconvolta.
A casa io non bevo mai. Nulla. Non reggo un cazzo l’alcool, mia madre lo sa.
Da questo, deduce irrimediabilmente che io non lo beva neanche fuori, di casa, e mi fissa come dicendo “Su, mezzo bicchiere di vino non ha mai fatto male a nessuno”.
A quel punto io sto ancora tentando di digerire gli havana 7 cola della notte dalla quale sono reduce, mischiati al cannabinolo, all’hashish, al caffè, e in ultimo alla spremuta di arancia. La sera prima ho invece mischiato havana 7 cola e traminer, che però non era Gewurz e faceva schifo al cazzo, così ho dovuto supplire con un chilo di patate fritte e qualche etto di meringata. La sera prima ancora , ho mischiato martini rosso e vino rosso di pessima qualità , i miei amici invece rabarbaro allungato e vino rosso di pessima qualità , e così via, per tutta la settimana, per tutti i mesi così.
Così, dopo notti e notti di inverecondi mistiaggi etilici, dopo la mia prima notte di ferie, durante la quale ho ballato per cinque ore consecutive fino a farmi sanguinare i piedi e farmi uscire le vesciche, dopo che ettolitri di alcool sono probabilmente transitati per il mio esofago, mia madre, la mia stessa madre, mi mette davanti un bicchiere di vino rosso esortandomi a riprendermi un po’.
Quod me nutruit, me destruit.
Sotto lo sguardo benevolo e ignaro di mia madre accenno un sorriso poco convinto, sono le due e io ho già  ricominciato a bere.
Le cose si mettono bene.
Scontro il mio calice contro quello della mia amorevole famiglia e me lo porto in camera ridacchiando.


Il dottor Gonzo non si trova, e quindi io e il buon Disma andiamo a bere il caffè in mezzo alle famigliole del mulino bianco festanti per il loro beniamino che è appena resuscitato.
Noi disadattati siamo usi fare spesso di queste cose, come andare ad ubriacarci nei bar frequentati da sedicenni in pieno torpore erotico.


Torno a casa e penso bene di rimettermi a letto.
Sono le cinque e tre ore in piedi per il mio primo giorno di ferie sono sufficienti, mi rimetto in pigiama e avvio una moretti session.
All’altezza di Sogni D’Oro decido che amore è quando riesci a dire quali scarpe scarterà  prima che lo dica lui. (Se non sapete di che cazzo sto parlando andatevelo a vedere che male non fa).
Alle otto e mezza decido che tre ore concentrati per il mio primo giorno di ferie sono sufficienti, ma si connette il mio amico Manhattan, al quale dò la notizia – con supporto fotografico – dell’esistenza dell’uomo della mia vita nell’arco di meno di cinque chilometri.


Esiste e ne ho le prove.
Gira con aria rincoglionita e sguardo poco intelligente per le piazze del circondario, vestito in modo improbabile e mi segue con lo sguardo, ed è assolutamente perfetto, perfetto signori.


Nel frattempo si connette Gogo che mi informa che stasera ha voglia di bere, inizio a pensare che ci sia una congiura alle mie spalle per farmi venire la cirrosi e spartirsi i miei averi.
Così si fanno le nove e – indovina? – è di nuovo ora di andare a bere.


qui una bestemmia

18 marzo 2008, 05:47

Il mio portatile ha tre anni.
In tre anni accumuli decine, decine, decine di giga di musica, la sposti dal computer vecchio, la prendi da gente che non rivedrai mai pià, la importi da cd che perderai, la scarichi, decine di centinaia di ore di scaricamento della tua esistenza, live, inediti, registrazioni vocali, ricordi preziosissimi, gli album fondamentali, gli annessi, i connessi, centinaia, migliaia di file.


Oggi ho perso TUTTO. una cartella completamente VUOTA.



Siedo a questa scrivania fissando il cursore da mezz’ora.
Sono completamente allibita.
Voglio morire.


duepunti - trattino - asterisco

10 marzo 2008, 05:30

Stavo con un tale.
Essendo che si viveva lontani ogni tanto si adoperava il messenger.
Essendo che il tale era uno della old-school, uno di quelli che comunicava al mondo rigorosamente tra parentesi acute, che cambiava la disposizione dei mobili della sua stanza in CSS e che una delle prime cose romantiche che mi aveva detto era stato ora andiamo a dormire e salviamo su disco prima di rovinare tutto, insomma, essendo che il tale era uno del fronte intransigente della prima linea del nerd, egli utilizzava un messenger sobrio e spartano, senza fronzoli, colori sgargianti e soprattutto emoticon.
A me, il massimo che era concesso di utilizzare era GAIM, che era gggiòvane, trendi e colorful come il messenger ma non era compromesso, così non mi sarei vergognata troppo con i miei amichetti che con il loro windows messenger ci facevano un sacco di cose fantagalattiche.
ad ogni modo.
ho usato GAIM per un sacco di tempo, poi altri venti di fanatismo si sono abbattuti e mi è stato vietato di giocare con i miei amici perché avevano un account hotmail, e hotmail era il male, e se anche io non volevo essere il male dovevo farmi un account jabber, perché jabber era bene, ed essendo che mi sono presta cacata il cazzo di tenere tremila messenger diversi per ogni cazzo di tipo di account che avevo, ho economizzato sul messenger e ho riunito tutto sotto ADIUM, la simpatica papera alloglotta.
Nel frattempo però, io e l’opensourcer teo-con ci eravamo bell’e lasciati.
Caso ha voluto insomma, che per tutta la durata della nostra relazione, io abbia usato un messenger con le emoticon e lui un messenger senza emoticon, e ogni duepunti – trattino – asterisco che ricevevo veniva tradotto dal mio messenger come emoticon, nella fattispecie una con i due smiley che sembrava fossero uno dietro ed uno davanti, e insomma a me mi sembrava che scopavano da dietro.
Ne ero decisamente convinta.
Così tutti i bacini che ho ricevuto in mesi e mesi di conversazioni al lume di monitor, li ho sempre presi come uno smodato desiderio del mio fidanzatino di allora di scoparmi, in continuazione, ogni due o tre righe, e mi ero quindi convinta di essere la donnina pià desiderabile e scopabile al mondo, un sacco di omini si prendevano contronatura su pagine e pagine di chat, ed io ero in visibilio.


Casualmente oggi ho disinstallato ADIUM, un messenger piuttosto severo in effetti, con finestre squadrate e niente emoticon, e ho reinstallato – sono passati anni eh – un messenger con un sacco di tool inutilissimi e dai colori vivaci, un po’ come quando a quarant’anni vai a vivere via di casa e riempi il frigo di tutte le schifezze che tua madre non ti ha mai voluto comprare.
Il mio amico Mr. Konfelkopps mi ha quindi inondata di nuove emoticon, sono davvero tantissime, nel frattempo ne hanno inventate tantissime, di assurdissime, e io ho passato una mezz’ora buona a ridere come alice al lunapark in mezzo a palline gialle che si sotterrano, si impiccano, simulano crisi isteriche, manifestano disappunto smodato, colloquiano dandosi ragione (?), ne ho tantissime, a sinistra la pallina gialla e a destra la combinazione di tasti da premere se le vuoi far comparire, e sapete?
Tra tutte, una, proprio una, alle prime posizioni, obsoleta e sfigatissima, che non salta, non strilla e non cambia tremila colori alla volta, proprio una mi ha colpita.
Due palline gialle, una davanti e due dietro.
La combinazione di tasti associata è : – *, KISS, capite, KISS, e chiunque digiti candidamente questa combinazione di tasti, causerà  catastrofi emotive e gonfiamenti smisurati di ego nelle menti deragliate che siedono di là  del cavo.


Non erano omini che scopavano, erano solo innocenti bacini.


The Manzo Awards ("Troppo bello per essere intero")

6 marzo 2008, 23:03

Preso atto della schiacciante vittoria nelle categorie:

  • Miglior manzo Casellante
  • Miglior manzo Receptionist d’albergo
  • Miglior manzo Barman
  • Miglior manzo Pusher
  • Miglior manzo Squatter
  • Miglior manzo Proprietario di Cane
  • Miglior manzo Commesso alternativo presso negozio alternativo.
  • Miglior manzo Dj ex aequo anche per la categoria Miglior Absolut Manzo. (a destra



judith.afasici.net assegna incontestabilmente alla ridente città  di Torino (TO) il Premio Manzo 2008 .


ringraziamo GaleG, un simpatico lagunare e un fisico scorbutico per l’aiuto all’approvvigionamento


I più vecchi | I più recenti